16 Lug Conosci il tuo fabbisogno calorico giornaliero?

Conosci il tuo fabbisogno calorico giornaliero?

Impara a calcolarlo: capirai se ti stai alimentando correttamente!

 

Il nostro corpo consuma energia sempre, anche in assenza di movimento: quando fai le scale, quando pulisci casa, quando cammini, fai giardinaggio, giochi a pallone coi tuoi figli, ma anche quando, più banalmente, leggi un libro, magari stesa/o sul divano o stai dormendo.

E da dove viene l’energia di cui ha bisogno? Proprio dal cibo che mangi: se le calorie ingerite sono troppe si ingrassa e, ingrassando, aumenta il rischio di problemi al cuore, di diabete, di ipertensione e di insulinoresistenza. Se al contrario, le calorie sono troppo poche, il corpo attinge le risorse dalle sue scorte e comincia a dimagrire. Anche in questo caso, specialmente se dimagrisci molto, o troppo velocemente, alcuni problemi di salute potrebbero bussare alla tua porta.

Cosa ci fa capire questo? Che ciascun individuo per raggiungere, e soprattutto mantenere, il giusto peso dovrebbe conoscere il proprio fabbisogno energetico giornaliero: scegliere e saper quantificare con equilibrio il proprio cibo è un vero atto di amore per sé stessi che richiede consapevolezza e attenzione.

Con questa piccola e pratica guida al calcolo del fabbisogno energetico giornaliero capirai  se ti stai alimentando in modo corretto o, al contrario, se stai mangiando troppo o troppo poco.

Ma partiamo dalla sua definizione: che cos’è il fabbisogno energetico giornaliero?

E’ la quota energetica che ti serve per mantenere un buono stato di salute e si esprime sotto forma di calorie. Si tratta di un dato assolutamente personale che dipende dal tuo metabolismo basale (e imparerai a breve come calcolarlo), dalla termogenesi indotta dalla dieta (intesa come regime alimentare), dai meccanismi di termoregolazione del tuo corpo (l’energia che il corpo brucia per conservare la temperatura corporea) e dal livello di attività fisica che pratichi.

Circa il 60% dell’energia spesa giornalmente corrisponde al tuo metabolismo basale.

Per definire il tuo fabbisogno energetico dovrai prima individuare il tuo metabolismo basale, vale a dire il tuo dispendio energetico a riposo. Qui di seguito troverai tutte le possibili formule corrette per calcolarlo.


Facciamo un esempio: se sei una donna di 30 anni e pesi 50 kg, la formula che dovrai applicare è questa: 8,7 x 50 + 829. Il tuo metabolismo basale è di 872,5 kcal.
Il secondo passo necessario per calcolare il tuo fabbisogno è molto semplice: dovrai rintracciare il coefficiente che corrisponde al tuo livello di attività fisica medio (LAF).
Lavori seduto/a davanti alla scrivania? Il tuo coefficiente del tuo LAF è il più basso, oscilla fra l’1 e l’1,4 (attività sedentaria). Cammini veloce o pratichi attività fisica leggera 3 o 4 volte a settimana? Fai lavori domestici, giochi sportivi coi tuoi bimbi (o animali) oppure ancora ti dedichi costantemente al giardinaggio? Beh, devi sapere che questa attività non è più considerata sedentaria, ma moderata (o leggera): il suo coefficiente è compreso fra 1,5 e 1,7.
L’arrampicata, la corsa, il ciclismo, il nuoto veloce, l’attività aerobica intensa, il body building, sono invece considerate attività intense, con coefficiente LAF dal 1,8 a il 2,1.
Per riprendere l’esempio di prima, il coefficiente LAF di una donna che frequenta la palestra 3 volte a settimana è di 1,5.

Ora sei pronto a calcolare il tuo fabbisogno energetico giornaliero!

Basterà moltiplicare il tuo metabolismo basale per il tuo LAF: nel caso della nostra amica di 30 anni, la formula da applicare è questa: 872,5 x 1,56 = 1,361, 1 (Kcal).

Vorrei dirti ancora una cosa! Sebbene questi dati abbiano tutti valenza scientifica (sono elaborati dal Centro di Ricerca Alimenti e Nutrizione, l’unico ente italiano le cui attività di ricerca, formazione e divulgazione sono rivolte allo studio degli alimenti e del loro ruolo nel mantenimento della salute e nella prevenzione del rischio di malattie correlate all’alimentazione) non possono e non devono sostituire un approccio medico: solo un professionista può entrare nel merito del tuo percorso personale e stilare un piano su misura per le tue esigenze.

 

Se scegli le nostre barrette per uno snack in ufficio,
rispondi al breve questionario qui sotto!

Riceverai un simpatico omaggio sul tuo prossimo ordine 🙂